Ti trovi in:

Home » Comune » Documenti » Schede informative » Essere cittadino straniero in Italia » Rilascio del permesso di soggiorno per gli extracomunitari

Menu di navigazione

Comune

Rilascio del permesso di soggiorno per gli extracomunitari

di Martedì, 10 Giugno 2014 - Ultima modifica: Giovedì, 02 Ottobre 2014

Informazioni generali sul rilascio del permesso di soggiorno per gli extracomunitari (T.U. art. 5 - D.P.R. art. 9, 10, 11, 12 e 13)

Interessante per chi è...

Lo straniero che, a richiesta degli ufficiali e agenti di pubblica sicurezza, non esibisce, senza giustificato motivo, il passaporto o altro documento d'identificazione, o il permesso o la carta di soggiorno, è punito con l'arresto fino a 6 mesi e l'ammenda fino a £ 800.000. 

Il permesso di soggiorno per studio o formazione, salvo che sia diversamente stabilito da accordi internazionali o dalle condizioni per le quali lo straniero è ammesso a frequentare corsi di studio o di formazione in Italia, può essere convertito, prima della scadenza, in permesso di soggiorno per motivi di lavoro subordinato o autonomo, nei limiti delle quote fissate annualmente attestati dalla Direzione provinciale del lavoro, previa idonea documentazione riguardante il rapporto di lavoro subordinato o, in caso di lavoro autonomo, previa presentazione del titolo abilitativo o autorizzatorio, nonché di ogni altro adempimento amministrativo richiesto e della documentazione comprovante la disponibilità finanziaria occorrente per l'esercizio dell'attività.

Come fare / Cosa fare

 a) Richiesta Il permesso di soggiorno deve essere richiesto alla questura della provincia in cui lo straniero intende stabilirsi entro 8 giorni lavorativi dal suo ingresso in Italia. La richiesta deve essere compilata sul modulo rilasciato dalla questura: al momento della presentazione viene rilasciata una ricevuta con l'indicazione del giorno di ritiro del permesso di soggiorno. Nella domanda lo straniero deve indicare:

  • le proprie generalità complete e quelle degli eventuali figli minori conviventi, per i quali sia prevista l'iscrizione nel permesso di soggiorno del genitore
  • il luogo dove dichiara di voler soggiornare
  • il motivo del soggiorno

Deve inoltre allegare:

  • il passaporto o altro documento di viaggio riconosciuto equivalente, nel quale sia stato apposto, se richiesto, il visto d'ingresso
  • la documentazione, nei casi di soggiorno diversi da quelli per motivi di lavoro, attestante la disponibilità dei mezzi economici per il ritorno nel Paese di provenienza
  • 4 fotografie formato tessera (allo straniero può essere richiesto di farsi ritrarre da apposita apparecchiatura per il trattamento automatizzato dell'immagine, in dotazione all'ufficio)

L'ufficio trattiene copia della documentazione esibita e può richiedere l'esibizione della documentazione o di altri elementi occorrenti per comprovare:

  • l'esigenza del soggiorno, per il tempo richiesto
  • la disponibilità dei mezzi di sussistenza sufficienti, commisurati ai motivi ed alla durata del soggiorno, rapportati al numero delle persone a carico
  • la disponibilità di altre risorse o dell'alloggio, nei casi in cui tale documentazione sia requisito per il rilascio del permesso di soggiorno.

La suddetta documentazione non è richiesta ai richiedenti asilo, agli stranieri ammessi al soggiorno per motivi di protezione sociale ed a coloro che rientrino in progetti di protezione temporanea per rilevanti esigenze umanitarie (conflitti, disastri naturali, ecc.). 
  
 b) Richiesta di permesso di soggiorno in casi particolari

  • per gli stranieri che intendono soggiornare in Italia per un periodo non superiore a 30 giorni, l'esemplare della scheda rilasciata per ricevuta sostituisce il permesso di soggiorno per i 30 giorni successivi alla data d'ingresso nel territorio nazionale
  • quando si tratta di soggiorno per turismo, di durata non superiore a 30 giorni, di gruppi guidati, la richiesta del permesso di soggiorno può essere effettuata dal capo gruppo
  • per il soggiorno da trascorrersi presso convivenze civili o religiose, presso ospedali o altri luoghi di cura, la richiesta del permesso di soggiorno può essere presentata dall'esercente della struttura ricettiva o da chi presiede le case, gli ospedali, gli istituti o le comunità in cui lo straniero è ospitato.

Gli stranieri che soggiornano in Italia per un periodo non superiore ai 30 giorni sono esentati dall'obbligo di comunicare alla questura competente per il territorio, entro i 15 giorni successivi, le eventuali variazioni del proprio domicilio abituale. 
  
 c) Rilascio e durata Il permesso di soggiorno è rilasciato per i motivi e la durata indicati nel visto d'ingresso e non può comunque essere:

  • superiore a tre mesi per visiteaffari e turismo (vale anche per i permessi di soggiorno per turismo rilasciati dai Paesi Schengen)
  • superiore a sei mesi per lavoro stagionale, o a nove mesi per lavoro stagionale nei settori che richiedono tale estensione
  • superiore ad un anno, in relazione alla frequenza di un corso di studio o di formazione debitamente certificati. E' rinnovabile però nel caso di corsi pluriennali
  • superiore a due anni per lavoro autonomo, subordinato a tempo indeterminato e per ricongiungimenti familiari
  • il permesso di soggiorno per lavoro subordinato (non stagionale) consente l'esercizio di lavoro autonomo, sempre che sussistano i requisiti o le condizioni previste dalla normativa vigente per l'esercizio di attività lavorativa in forma autonoma, nonché l'esercizio di attività lavorativa in qualità di socio lavoratore di cooperative
  • il permesso di soggiorno per lavoro autonomo consente l'esercizio di lavoro subordinato, previa iscrizione alle liste di collocamento o, se il rapporto di lavoro è in corso, previa comunicazione del datore di lavoro alla Direzione provinciale del lavoro
  • il permesso di soggiorno per ricongiungimento familiare o per ingresso al seguito del lavoratore consente l'esercizio del lavoro subordinato e del lavoro autonomo
  • il permesso di soggiorno per studio o formazione consente l'esercizio di attività lavorative subordinate per un periodo non superiore a 20 ore settimanali, anche cumulabili per 52 settimane, fermo restando il limite annuale di 1.040 ore

Con il rinnovo è rilasciato un permesso di soggiorno per l'attività effettivamente svolta.

Classificazione dell'informazione

Evento della vita

Trasferirsi

Informazioni utili in caso di trasferimento all'estero
Questionario di valutazione
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam